Tag Archives: GLUTEN E MILK FREE

CON SILIKOMART E FABBRI ARRIVANO I GHIACCIOLI!

Non so voi ma per me i ghiaccioli sono un o dei simboli della stagione estiva, anzi il simbolo per antonomasia! Quest anno sembra che l’estate vera e propria non voglia arrivare! Il sole (almeno qui a Torino) fa capolino ogni tanto e invece la pioggia la fa da padrone.. una tristezza!! Se poi penso che non farò nemmeno un viaggetto mi mette ancora più tristezza! Ma poi suona il corriere con un bel pacco e cosa ci trovo? Delle formine per ghiaccioli carinissime della Silikomart e lo sciroppo Fabbri di accompagnamento! Bè mi è tornato subito il buonumore e nel giro di pochi minuti ecco che miscelando sciroppo e acqua via in congelatore!

Non sto a lasciarvi la ricetta come al solito ma mi limiterò a darvi qualche consiglio:

* In un bicchiere miscelate sciroppo e acqua, assaggiando con un cucchiaino tastandone il gusto (non spaventatevi se è molto dolce, ghiacciando si attenuerà molto l’acqua e se lesinate di sciroppo avrete  ghiaccioli meno succosi).

* Preparate due sciroppi diversi (io ad esempio ho sperimentato amarena e orzata) e versate prima un po’ di uno nello stampino e mettete a solidificare ricordandovi di inserire il bastoncino. Una volta pronto versate il secondo sciroppo..ecco dei ghiaccioli bigusto e bicolore…

Bè non siete ancora in cucina a preparare i vostri ghiaccioli? Io vi lascio vado a prenderne uno e ad assaporare quel poco di sole che oggi ha deciso di farmi visita…

A presto…


BISCUITS SPEZIATI ALL’ARANCIA

Ormai l’aria di festa e l’atmosfera del Natale è ovunque, io non so voi ma ne sono totalmente conquistata ed assorbita. Qualche anno fa era l’8 dicembre il giorno di festa in cui tutti prendevano d’assalto i negozi per iniziare lo shopping natalizio, le piazze si riempivano di fiere e mercatini e tutto si colorava di rosso. Ma cosa fondamentale si allestiva l’albero di Natale! A casa mia è ancora così, si tirano fuori l’albero (ogni anno un po’ più acciaccato), le decorazioni e le luci e la casa prende un’altro aspetto. In effetti ogni anno si aggiunge qualcosa e devo dire che sta casa mia sta diventando davvero un po’ kitsch, un misto tra la casa di babbo natale e la fabbrica di Willy Wonka.

Quest’anno ho deciso di non comprare dolcetti confezionati da appendere all’albero, ma di farli io sperimentando la teglia in silicone Winter cookies di Silikomart e con i suoi soggetti originali…avete visto la renna quant’è carina?

Buon albero a tutti!



INGREDIENTI:
150gr di Farina di riso,
150gr di Zucchero,
5 uova,
1 cucchiaio di Lievito,
1 pizzico di Sale,
1 cucchiaino di spezie a piacere,
1 fiala di aroma all’arancia,
2  cucchiai di cacao amaro,

Separare i tuorli dagli albumi.
Lavorare i primi con lo zucchero con una frusta elettrica fino ad avere un composto cremoso e chiaro. Aggiungere un pizzico di sale e l’aroma all’arancia.
Incorporare poco per volta la farina setacciata con il lievito, le spezie e il cacao, mescolando delicatamente dall’alto al basso con un mestolo di legno.
Montare a neve ferma gli albumi con un pizzico di sale e aggiungerli all’impasto sempre mescolando delicatamente. 
Versare l’impasto nelle formine e cuocere in forno già riscaldato a 160° per circa 15 minuti, finchè non saranno dorati.
Far intiepidire i biscuits e sformarli facendoli finire di raffreddare su una gratella. 
Decorarli a piacere, io ho usato della ghiaccia reale e del gel alimentare rosso.

GENOISE ALLA CANNELLA CON MARRONI E CIOCCOLATO

Per me le castagne sono sinonimo di falò scoppiettante e amici sedutisi intorno a scaldarsi, mentre viene fatta saltare una padella enorme piena di questi deliziosi frutti facendo tutt’intorno piccole scintille. 
Mi ricordano uno di quei bei momenti della mia infanzia quando nel weekend con la mia famiglia mi ritrovavo in montagna degli amici. Un’impazienza nell’attesa tradita dalla golosità che mi portava ad alzare sempre la manina per offrirmi come assaggiatrice, poco importava che bruciassero e che per spellarle mi sporcassi di fuliggine le mani, erano così buone! 
Da grande mi capita meno di mangiare le caldarroste, in casa si sa è sempre più complicato cucinarle, ma passeggiare per le vie del centro della mia città sgranocchiandone qualcuna comprata nel cartoccio, da un ambulante, può essere una piacevole alternativa. 
In ogni caso a saziare la mia golosità ci sono sempre le pasticcerie con i loro fantastici maron glacè artigianali, che diventano quasi un rito quando vado in giro e a volte sostituiscono pure il caffè di fine pasto!


Ma perchè non cucinarle? Si perchè non sperimentare qualcosa proprio con le castagne!
Così unendo quest’idea all’occasione di provare nuove cosucce come la genoise di Sogni di zucchero in cui non mi ero mai cimentata (era nella, sempre più lunga, lista delle cose da provare) e il burro chiarificato, che ho scoperto da poco eleggendolo a valido sostituto della margarina essendo senza lattosio e a quanto pare molto più genuino, non avendo grassi idrogenati ( leggete qui è molto interessante ). 


Così è nata questa simil crostata con la Genoise aromatizzata alla cannella, farcita di crema di marroni e ricoperta di ganache al cioccolato fondente, con qualche maron glacèe a decorarla.


Bè è ottima per merenda magari accompagnandola con un bella tazza di te fumante!




Buona merenda a tutti!




INGREDIENTI
1 vasetto di crema di marroni,
maron glacè sbriciolati

Genoise
  4 uova medie, (temperatura ambiente)
  100gr di zucchero di canna,
  125gr di farina di riso,
  125gr di burro chiarificato ,
  1 pizzico di sale,
  1 cucchiaino di cannella in polvere,

Ganache al cioccolato
   200gr di cioccolato fondente 70%,
   200ml di panna vegetale da montare, (senza grassi idrogenati)
   100gr di burro chiarificato,
   zucchero a velo a piacere.
Preparare la Genoise: Sciogliere a bagnomaria il burro e farlo intiepidire a temperatura ambiente. 
In una ciotola capiente mescolare con una frusta a mano le uova con lo zucchero e il sale, in modo da amalgamarli. Portate ad ebollizione un po’ di acqua in una pentola capace di contenere la ciotola con le uova (non occorre tanta acqua altrimenti inserendo nella pentola la ciotola potrebbe trasbordare). Montare con le fruste elettriche ad alta velocità per circa 10 minuti finchè il composto non sarà diventato spumoso e consistente raddoppiando di volume.
Mettere la ciotola in un’altra pentola piena di acqua fredda o ghiaccio e incorporare la cannella e poi poco per volta la farina mescolando delicatamente dall’alto al basso con un cucchiaio di legno e da ultimo il burro fuso. Amalgamare bene fino al raffreddamento dell’impasto.
Prendere una teglia da crostata con l’incavo sul fondo e prepararla spennellandola con burro e spolverandola di farina o utilizzando uno spray staccante come  me.
Versarvi il composto senza livellarlo e cuocere in forno caldo a 160° per circa 30 minuti. La genoise sarà pronta quando con  la prova stecchino uscirà asciutto. Sfornarla e lasciarla intiepidire poi prima che si raffreddi del tutto sformarla su un vassoio da portata. Lasciarla capovolta perchè l’incavo formatosi servirà per la farcitura.
Una volta raffreddata completamente la genoise, bagnare la base con una soluzione di acqua, zucchero di canna e un goccio di rum (se non ci sono bambini) o latte. Spalmare distribuendola bene, la crema di marroni (se solida farla scaldare prima  un pochino in un pentolino per renderla più facilmente spalmabile).
Preparare la ganache: Far sciogliere a bagnomaria la cioccolata a pezzetti e intanto far intiepidire la panna. Versare la cioccolata fusa a più riprese nella panna mescolando bene con una frusta; aggiungere il burro a temperatura ambiente e lo zucchero a velo a piacere. Far rapprendere qualche minuto in frigorifero.
Versare la ganache sulla crema di marroni e cospargere la superficie della genoise con maron glacèe  sbriciolati e mettere in frigorifero ad addensare.
   

PANNA COTTA AI SAPORI D’AUTUNNO

Non so voi ma a me l’autunno piace, quando arriva all’inizio, di solito mi intristisco un po’ perché vorrei non finisse l’estate con il suo sole caldo, che non si portasse via la leggerezza della bella stagione. Poi però mi basta guardare i colori che porta con se e ne rimango affascinata. Così mi ricordo di quanto sia piacevole passeggiare nei parchi della mia città in mezzo a questa tavolozza di colori ,in giornate ancora non così fredde da costringerci a chiuderci in casa. E vogliamo non parlare di quanto siano gustosi i frutti  che l’autunno ci regala? I cachi, i primi agrumi, i kiwi e le castagne! E lo so sono un’inguaribile golosa . Così quando ho visto la forma Daisy Pan di Silikomart non ho resistito e ho pensato che per una merenda in queste giornate ancora non tanto fredde, una panna cotta si sarebbe sposata benissimo con i mandarini, i kiwi e il melograno. Mi fate compagnia?

A presto!









INGREDIENTI

Panna cotta
1l di panna vegetale da montare,
2 cucchiaini di essenza di vaniglia,
12gr di gelatina in fogli,
100gr di zucchero a velo,

Gelatine di frutta
2 kiwi maturi,
4 mandarini maturi,
2 o 3 cucchiaini di marmellata di melagrana,
6 fogli di gelatina,
zucchero di canna,

Gelatine di frutta:
Ammollare i fogli di gelatina in acqua fredda per qualche minuto in tre piatti separati.
Con un minipilmer ridurre in purea prima i kiwi e poi, a parte i mandarini (sbucciateli ed eliminate la pellicina bianca e filtrare i semini). Mettere entrambe le polpe in due pentolini separati (passandole in un colino) e far scaldare con un po’ di zucchero di canna o miele.  Chiudere il fuoco e sciogliere in entrambi i pentolini la gelatina ben strizzata: 3 fogli per la gelatina al kiwi e 3 per quella al mandarino.
Versare la gelatina al mandarino negli spazi dei petali dei fiori della teglia e per le foglie usare la gelatina al kiwi (volendo si possono accentuare i colori con dei coloranti alimentari). Al centro dei fiori mettere una puntina di marmellata alla melograna.
Mettere in congelatore a rapprendere.
Panna cotta:
Ammollare i fogli di gelatina in acqua fredda per qualche minuto.
Mettere la panna, lo zucchero e la vaniglia in un pentolino e far scaldare a fuoco dolce senza portare a bollore. Togliere dal fuoco e sciogliere la gelatina sempre ben strizzata nella panna.
Versare la panna nella forma e mettere in congelatore a rassodare per qualche minuto senza far congelare però e riporre poi in frigorifero per almeno 2 o 3 ore.
Sformare su un piatto da portata la panna cotta facendo attenzione che non si rovini e conservare in frigorifero fino al momento di servire.

MINI CUPCAKE ALLA ZUCCA


Streghette, zombie e vampiri siete tornati a casa dopo le follie della scorsa notte? Vi lascio questa ricettina al volo prima di chiudere la valigia e partire per Firenze, buon Halloween a tutti.

A presto













INGREDIENTI per circa 30 mini cupcake

150gr di margarina bio vallè,
100gr di zucchero di canna,
2 uova,
1 pizzico di sale,
20gr di farina di riso,
150gr di polpa di zucca,
2 cucchiaini di lievito in polvere,
1/2 cucchiaino di noce moscata,
1/2 cucchiaino di garofano in polvere,
1 cucchiaino di cannella,
80gr di mandorle,
Decorazione
500ml di latte di soia Alpro,
75gr di farina di riso,
25gr di fecola di patate,
100gr di zucchero semolato,
80gr di margarina bio vallè,
coloranti alimentari arancio e nero,
Preparare la polpa di zucca. Foderare una teglia da forno con della carta di alluminio e metterci la zucca tagliata in due parti (con l parte tagliata rivolta verso l’alto), coprire con un altro foglio di alluminio e cuocere per un’oretta circa in forno caldo a 190°. Sarà pronta quando si bucherella bene con una forchetta. Far raffreddare ed eliminare l’acqua in eccesso e sbucciarla. Con un minipilmer ridurla in purea.
Montare la margarina con lo zucchero e un pizzico di sale (con una frusta a mano o uno sbattitore elettrico è uguale). Aggiungere un uovo alla volta  amalgamandoli bene. Incorporare la polpa di zucca e le mandorle tritate. Aggiungere la farina setacciata con il lievito e le spezie.
Mettere il composto in un sac-a-poche e riempire i pirottini d mini cupcake fino a tre quarti. Cuocere in forno caldo a 160° per circa 15 minuti.


TORTINE SOFFICI CON PRUGNE E NOCCIOLE…BENVENUTO AUTUNNO

Giusto poche settimane fa su queste pagine salutavamo l’estate, poteva tardare la prima ricetta autunnale? Diciamo che di idee ne ho già tante ma visto che ancora non siamo ancora nel pieno della stagione autunnale ho pensato a qualcosa che segnasse una sorta di continuità tra i colori dell’autunno che persino in città si iniziano a intravedere e le temperature ancora miti che ci fanno sperare ancora in scampoli estivi. Mi sono accorta che non ho mai preparato nulla per RossoLampone con le prugne, quindi quando sfogliando il nuovo numero di Cucina Naturale di settembre mi sono imbattuta in questa ricetta, non ho saputo resistere e l’ho fatta mia adattandola qua e là ai miei gusti. 
Buon inizio di autunno! Godetevi i primi freddi magari con una bella tazza di te e una di queste tortine, se poi avete la fortuna di farlo davanti a un panorama mozzafiato che si tinge dei colori caldi di questa stagione, come a me è capitato nelle langhe in passato…bè vi invidio…

A presto






















INGREDIENTI:


160gr di farina di riso,
100gr di farina di nocciole,
2 uova a temperatura ambiente,
80gr di zucchero di canna, (si può sostituire con 100gr di miele)
1 cucchiaino di estratto di vaniglia,
6 prugne,

Con le fruste elettriche montare le uova con lo zucchero fino ad avere un composto bello consistente e raddoppiato nel volume (ci vogliono circa 15 minuti buoni). Aggiungere la vaniglia e mescolando delicatamente dall’alto verso il basso incorporare prima la farina di riso e poi quella di nocciole.
Con un goccio di olio di semi (mais o girasole) ingrassare lo stampo rotondo. 
Disporre le prugne tagliate in quattro sulle tortine e cuocere in forno caldo a 180°C per circa 15-20 minuti.
Una volta sformate spennellarle con della gelatina neutra o dello sciroppo di zucchero per lucidarle e sformarle una volta raffreddate.



TULIP CAKE ….e salutiamo l’estate

Eccomi di ritorno! Ma dove sono finiti il sole, il caldo e le belle giornate? Ho passato gli ultimi mesi immersa nello studio, in compagnia di libri e quaderni che sfogliavo al fresco di una biblioteca. E ora che li ho chiusi, fuori fa freddo e piove? E’ quindi giunto il momento di salutare quest’estate senza essermi riposata e rilassata molto?


Pazienza l’estate finisce e io che ho rispolverato i miei appunti e libri di cucina (non che quest’estate non abbia rimpolpato la collezione) sono già pronta per le ricettine autunnali.


Ma come da tradizione l’estate per me finisce con la festa del mio compleanno…sono ormai 36 anni che è così per la sottoscritta! E come farla finire degnamente? Ma con una golosissima torta pensata in ogni sua singola briciola per me e naturalmente per le persone che mi hanno festeggiata, che sono altrettanto importanti!


Ho voluto un tocco di colore e di golosità ispirandomi ai tulipani della teglia Tulip della Silikomart, che guarda caso sono proprio i miei fiori preferiti e al cioccolato di cui ho veramente abusato in questo periodo (lo dicono tutti che è un energizzante no?).


Salutando l’estate dedico questa torta al mio Moretto che ho strapazzato per più di un mese e che se la merita tutta!


Ciao a tutti a presto!



















INGREDIENTI


Pandispagna al cacao
6 uova,
180gr di zucchero,
150gr di farina di riso,
30gr di cacao amaro equo solidale,
1 cucchiaio di estratto di vaniglia,
1 pizzico di sale,

Pandispagna alla vaniglia
3 uova,
90gr di zucchero,
90gr di farina di riso,
1/2 cucchiaio di estratto di vaniglia,
1 pizzico di sale,

Farcitura
ganache al cioccolato (giallo zafferano)
250gr di cioccolato fondente
250ml di panna vegetale da montare,
50gr di margarina bio vallè,
80/100gr di zucchero,
marmellata di ciliege 70% di frutta

Decorazione
500gr di pasta di zucchero rossa,
gelatina di albicocche,
Candy melts wilton verdi e gialle, 
Colorante alimentare rosso e arancio.

Almeno il giorno prima fare sciogliere le candy melts a bagnomaria diluendole con un goccio di olio di semi di girasole o di mais. Riempire lo stampo Tulip seguendo le scanalature del disegno e riporre in frigorifero a solidificare. 
Per il pandispagna al cacao: in un pentolino antiaderente scaldare le uova e lo zucchero fino a che non raggiungano la temperatura di 45°C. Versarli in una ciotola capiente aggiungere un pizzico di sale e con un frullino elettrico montare a velocià sostenuta per circa 20 minuti, finché non avrete raggiunto una consistenza morbida e cremosa (dorà raddoppiare di volume). Aggiungere la vaniglia e pian piano mescolando dall’alto al basso incorporare la farina setacciata con il cacao.
Ungere di margarina una teglia del diametro di 26 cm (meglio se con l bordo apribile) e spolverare di farina (eliminandone l’eccesso). Versar eil composto senza livellarlo o sbattere la teglia (farà da solo) e cuocere in forno caldo a 160°C per circa 30/35 minuti.
Fare intiepidire il pandispagna e sformare in modo da farlo raffreddare completamente su una griglia.
Nel frattempo preparare il pandispagna alla vaniglia seguendo la stessa procedura.
Mentre le basi si raffreddano preparare la ganache al cioccolato. In un pentolino antiaderente scaldare la panna e la margarina, quando saranno arrivati ad ebollizione togliere dal fuovo e aggiungere il cioccolato tritato e mescolare bene con una frusta.
Mettere il pentolino a bagnomaria in una ciotola con un po’ di acqua fredda e del ghiaccio e montare il composto con il frullino elettrico fino a che non sarà diventato spumoso e gonfio (ci va qualche minuto non disperate!).
Sformate i “Tulipani” ormai solidi e con dei colori alimentari spennellate le superfici dei fiori in modo da creare delle sfumature.
Per il montaggio della torta: Tagliare in due strati il pandispagna al cacao e bagnare con abbondante acqua e zucchero le basi. Aiutandosi con un cerchio apribile (anche il cerchio della teglia) porre alla base una delle due parti di pandispagna al cacao e coprire con marmellata di ciliege fatta leggermente sciogliere in un pentolino per stenderla meglio; coprire con il pandispagna alla vaniglia e aiutandosi con un sac-a-poche ricoprire di ganache al cioccolato. Porre per ultimo il secondo disco di pandispagna al cacao. Spennelare sia i bordi che la superficie con gelatina di albicocche.
Stendere la pasta di zucchero e rivestire l’intera torta. Una volta livellata bene e tolte tutte le pieghe posizionare al centro della superficie (mi sono aiutata con un po’ di colla alimentare) i tulipani.


SANDWICH ALLA VANIGLIA VARIEGATI AL LAMPONE

Non so voi ma in questo periodo caldissimo io ho voglia solo di cosine fresche e leggere, sarà che la tensione pre-esame si fa sentire, ma ho voglia anche di leggerezza. Così sfogliando l’ultimo numero di  Cucina al naturale mi è venuta quest’idea! Una fresca e leggera crema alla vaniglia rigorosamente milk free grazie al budino “original vanille” dell’ Alpro ,racchiusa in un guscio croccante di biscotto alla frolla di riso.
Una pausa merenda golosa che ci andava, ora torno a studiare!
Ciao  a tutti, a presto!

INGREDIENTI (x6):

Biscotti
200gr farina di riso,
60gr di zucchero di canna,
50gr di fecola di patate,
50gr di margarina bio vallè,
1 uovo,
1 limone non trattato,
Crema
2 vaschettine di budino  alla vaniglia Alpro,
250ml di panna vegetale da montare,
10gr di gelatina in fogli,
125gr di lamponi,
Decoro e guarnizione
125gr di lamponi,
3 o 4 cucchiai di zucchero,
6gr di gelatina in fogli.

Preparare i biscotti:
Lavorare la margarina e lo zucchero di canna a crema, aggiungere l’uovo e la scorza grattugiata di mezzo limone. Aggiungere tutta insieme la farina e impastare su un piano da lavoro velocemente (se l’impasto dovesse risultare troppo secco e granuloso aggiungere 2 o 3 cucchiai di latte di soia).
Avvolgere l’impasto nella pellicola e far riposare in frigorifero al meno un’ora.
Stendere l’impasto e ricavare con uno stampo rettangolare 12 biscotti.
Foderare la placca del forno con carta forno e distribuirvi i biscotti. Cuocere in forno caldo a 180° C per circa 12 minuti.

Per la crema:
Ammollare in acqua fredda la gelatina e frullare i lamponi. Passare la purea di frutta in un colino e farla scaldare con lo zucchero per qualche minuto. Scioglierci (a fuoco spento) la gelatina ben strizzata e far intiepidire.
Montare la panna zuccherandola a piacere e incorporare delicatamente le vaschettine di crema alla vaniglia.
Aggiungere la gelatina di lamponi mescolandola lievemente (bisogna solo variegare la crema).
Con lo stesso stampo usato per i biscotti  formare il sandwich: porre alla base (su un piatto) un biscotto, con un sac-a-poche riempire con la crema e coprire con un altro biscotto e riporre in congelatore. Intanto preparare quello successivo. Man mano che si solidificano sformare i sandwich e tenerli in frigorifero.
Preparare altra gelatina di lamponi come prima e con un sac-a-poche con bocchetta strettissima variegare le superfici dei sandwich. Tener ein frigorifero fino a una decina di minuti prima di servire.


CHOCO CHRISTMAS

Come vi ho anticipato nell’ultimo post la mia cucina è in pieno fermento pre natalizio con tutti i nervosismi che ne consuegono, ma va da sé che quando la Silikomart mi ha gentilmente omaggiata dello stampo choco tags, della linea easy choc, non potevo esimermi dall’utilizzarlo e quale migliore occasione se non la cena di auguri con gli amici? Ma potevo mai presentarli dei semplici cioccolatini? Assolutamente no! Così mi è venuta l’idea di farli ripieni o meglio di creare dei “sandwich” di cioccolato con i colori natalizi. gustosi gusci di cioccolato noir con un ripieno dolce al cioccolato bianco e gli immancabili lamponi che con il loro bellissimo colore ricordano i classici bastoncini bianchi e rossi natalizi. sono assolutamente perfetti se siete alla ricerca di pensierini home made da regalare.









INGREDIENTI:

400gr di cioccolato fondente al 70%
mousse al cioccolato bianco
200gr di cioccolato bianco
125gr di latte di soia
250ml di panna da montare vegetale
6gr di gelatina in fogli
gelatina ai lamponi
4gr di gelatina in fogli
125gr di lamponi
2 cucchiai di zucchero di canna

Far sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria. Versare il cioccolato negli stampini e mettere a solidificare in congelatore per un quarto d’ora e ripetere l’operazione per il cioccolato rimanente.
Preparare la mousse al cioccolato bianco: Far sciogliere il cioccolato bianco a bagnomaria.  Ammollare la gelatina in acqua fredda e nel frattempo portare a ebollizione il latte e scioglierci dentro la gelatina ben strizzata. Aggiungere il  latte al cioccolato bianco poco per volta,  mescolando bene e far intiepidire. Montare la panna ben fredda senza aggiungere zucchero (il cioccolato bianco è già parecchio dolce per sua natura) e incorporarla al cioccolato appena tiepido mescolando delicatamente dall’alto al basso. Riporre in frigorifero.
Intanto con il frullatore ad immersione ottenere una purea dai lamponi e passarla in un colino in modo da eliminare i semini. Ammollare la gelatina rimanente in acqua fredda e mettere la purea di lamponi in un pentolino con due cucchiai di zucchero di canna colmi e farla scaldare.  Scioglierci la gelatina ben strizzata e far raffreddare a temperatura ambiente.
Aggiungere un cucchiaio di gelatina di lamponi (quando è ancora tiepida prima che indurisca)alla mousse e mescolare bene. Mettere la mousse in un sac-a-poche con bocchetta larga.
Accoppiare due cioccolatini (io li ho scelti con lo stesso soggetto ma l’importante è che siano della stessa misura) in modo che il motivo sia all’esterno per entrambi. Una volta formate le coppie di choco tags spremere con il sac-a-poche la mousse su una placchetta per coppia. Una volta terminata la mousse riempire un altro sac-a-poche con la gelatina di lamponi ormai solidificata e formare delle strisce diagonali sulla mousse per ogni cioccolatino (l’intento è di ricreare l’effetto bastoncino natalizio). Coprire ogni cioccolatino con il suo gemello e mettere in frigorifero fino al momento di servirli. 


SAVARIN ALLA VIOLA

Anche voi sentite nell’aria odore di primavera? Adoro queste temperature finalmente un po’ miti e il sole che ti scalda… giusto l’altro giorno mi sono piazzata su una panchina di un giardinetto al sole a consumare il mio lauto (si fa per dire) pranzetto..bellissimo…a parte che come al solito andavo di fretta…uff ormai sono sempre di corsa e in ritardo! In effetti questi dolcini li avevo preparati per la festa della donna ma solo ora riesco a postarli..comunque dal momento che l’esperimento è riuscito bene mica li potevo lasciare nel cassettino fino al prossimo anno no?

Non vedevo l’ora di sperimentare lo zucchero alla viola che ho comprato a Briançon durante le feste di capodanno…è profumatissimo e ce ne vuole davvero poco per insaporire! Poi le formine da savarin della linea creme-a-porter della Guardini sono ottime e si sformano che è una meraviglia.






INGREDIENTI:
Savarin

3 uova
85gr di zucchero
95gr di farina di riso
1 fiala di aroma alla vaniglia
Crema alla viola
250 ml latte di soia


50gr zucchero aromatizzato alla viola
35gr di farina di riso
4gr di gelatina in fogli
Bagna

acqua
zucchero semolato


rum


Montare le uova a temperatura ambiente con lo zucchero fino a che non diventano un composto spumoso e consistente (io ho usato un frullino elettrico per 15 minuti). Aggiungere la vaniglia e la farina setacciata mescolando delicatamente dall’alto al b
asso (praticamente è un mini pandispagna).

Versare il composto nelle formine da savarin (non riempirli completamente che crescono) e cuocer in forno caldo a 180° per circa 12 minuti. Metterli su una gratella a raffreddare qualche minuto e sformarli poi farli finire di raffreddare.

Preparare la crema: ammollare la gelatina in acqua f

redda. Intanto portare a bollore il latte. Scioglierci la gelatina ben strizzata.
In un’altro pentolino mescolare lo zucchero aromatizzato alla farina di riso e aggiungerci il latte caldo a filo mescolando. Portare sul fuoco e far rassodare. Mettere a raffreddare la crema a temperatura ambiente.
Con un sac-a-poche riempire il centro dei savarin co
n la crema e decorare i bordi con lo zucchero aromatizzato. Et voilà.

Mi raccomando non dimenticatevi del contest! aspetto le vostre ricette!!!