Tag Archives: DOLCI DA COLAZIONE

CROSTATA DI MELE ALL’AVENA E CARDAMOMO

Ormai siamo entrati nella primavera, finalmente le giornate si allungano e le temperature sono decisamente più gradevoli. Aver voglia di un dolce alle mele, sarà un sintomo nostalgico dell’inverno o del non adattarsi al cambiamento? Eppure a me questo desiderio prende puntualmente, quasi succube di una certa dipendenza. I dolci con le mele sono tra i miei dolci preferiti, magari le mele cotte con la cannella le posso relegare ad un post pranzo leggero invernale ma, ad esempio non disdegnerei mai uno strudel alto atesino, o un’apple pie nemmeno ad agosto.  Per una per una mela dolce e succosa abbinata ad una crema golosa è sempre il momento giusto!

Questa crostata si potrebbe definire una tarte rustica dalle nuove scoperte! Iniziando dalle mele, perchè da poco ho conosciuto la Pink Lady. Dapprima sono diventate la mia pausa merenda al lavoro una volta scovate dal fruttivendolo dietro l’Ufficio, ma ora le utilizzerei per tutto. Molto dolci e succose , ma al contempo per nulla farinose o friabili.

E poi c’è la farina d’avena che sto  usando spesso per le mie preparazioni ultimamente, sia da sola che in abbinamento ad altre farine, come per questa crostata, dove ho scelto di abbinarla alla farina “0”, ma per un prodotto da forno come il plumcake o il ciambellone, mi è capitato di usarla da sola ed ottenere ottimi risultati in termini di consistenza e di gusto. Una farina antica dal sapore comunque dolce, che ridà quel sapore rustico dei dolci di una volta, quelli della nonna o dell’infanzia e il cui sapore si amalgama benissimo con la frutta.

 

Per avere una crostata in versione più primaverile che invernale, ho evitato di usare la cannella e sfatato il binomio per me formidabile mela-cannella e ho optato per il cardamomo, questa spezia che arriva dall’india,che regala un aroma leggermente agrumato ma con  toni meno aspri e pungenti del limone. fino ad ora lo avevo assaggiato in forma di infuso o come condimento prezioso al ristorante indiano. Ma ho scoperto che il suo aroma regala alla crema pasticcera un gusto delicato ma molto molto buono!

Se poi per la crema si userà latte di soia o di riso, si può avere anche un golosissimo dolce lattosio free, senza perdere la golosità e anzi facendo assaporare di volta in volta gusti nuovi e diversi ai vostri assaggiatori!

i mie di assaggiatori hanno gradito! Un vero peccato è che questa crostata di mele sia durata troppo poco! a quanto pare non bastava una fetta a testa e i miei propositi di farla diventare la merenda della settimana in ufficio sono svaniti subito!

Provatela e poi mi direte!

Buona primavera!

Print Recipe
CROSTATA DI MELE AVENA E CARDAMOMO
Porzioni
4 persone
Ingredienti
Base
  • 100 gr Farina "0"
  • 150 gr Farina d'avena integrale
  • 1 uovo
  • 125 gr burro senza lattosio
  • 1 cucchiaino estratto di vaniglia bourbon
  • 100 gr zucchero di canna
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
Crema
  • 300 ml latte di soia
  • 1/2 cucchiaino cardamomo in polvere
  • 25 gr farina di riso
  • 80 gr zucchero di canna
  • 3 tuorli
Altri
  • 2 o 3 mele pink ladies
  • gelatina d'albicocche
Porzioni
4 persone
Ingredienti
Base
  • 100 gr Farina "0"
  • 150 gr Farina d'avena integrale
  • 1 uovo
  • 125 gr burro senza lattosio
  • 1 cucchiaino estratto di vaniglia bourbon
  • 100 gr zucchero di canna
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
Crema
  • 300 ml latte di soia
  • 1/2 cucchiaino cardamomo in polvere
  • 25 gr farina di riso
  • 80 gr zucchero di canna
  • 3 tuorli
Altri
  • 2 o 3 mele pink ladies
  • gelatina d'albicocche
Istruzioni
  1. Lavorare il burro a temperatura ambiente con lo zucchero utilizzando le fruste elettriche o la planetaria. Quando lo zucchero si sarà ben amalgamato, aggiungere l'uovo leggermente sbattuto, la vaniglia, e il lievito. Da ultime aggiungere le farine e impastare velocemente sul piano di lavoro fino ad avere una palla bella liscia e omogenea. Avvolgere in pellicola trasparente e schiacciare leggermente l'impasto formando un rettangolo. Riporre in frigorifero per almeno un'ora.
  2. Preparare la crema: scaldare il latte in un pentolino fino a portarlo a bollore, con il cardamomo (i semi vanno aperti e prelevato il contenuto). Nel frattempo in una ciotola a parte, montare i tuorli con lo zucchero e aggiungere la farina di riso setacciata.
  3. Filtrare il latte e versarlo sul composto di uova a filo mescolando nel frattempo. Versare la crema nuovamente nel pentolino e far addensare mescolando con una frusta per non farla attaccare. Versare la crema in una ciotola di vetro e coprirla con pellicola trasparente a contatto. Farla raffreddare a temperatura ambiente.
  4. Stendere la frolla e rivestire una teglia con bordi alti di circa 20 cm di diametro. la teglia andrà rivestita di carta forno (leggermente bagnata prima) o imburrata e infarinata, o ancora spruzzata di spray antiaderente. Bucherellare la base della crostata con una forchetta e spalmare un velo di gelatina di albicocche. coprire con la crema.
  5. Distribuire sulla superficie le mele tagliate a fettine a piacere. Distribuire sulle mele qualche fiocchetto di burro e una spolverata di zucchero di canna. Cuocere in forno caldo a 170°C per circa 25 minuti fino a che la crostata non sarà bella dorata.
  6. Far intiepidire la crostata su una gratella e spennellarla a piacere con gelatina di albicocche.

Colazione per due

San Valentino è probabilmente la ricorrenza più discussa. Viene  criticata principalmente per il business che l’accompagna e forse anche perché non si ha  nessuno con cui festeggiare e si pensa di doverla snobbare.  Ma con tutto questo rosso, potrebbe mai non piacermi? (altro…)


UPSIDE DOWN PERCOCCHE E CANNELLA

Settembre  un mese strano non trovate? Molto spesso fa ancora caldo e chi può lo sceglie per le proprie vacanze, per godersi mete turistiche all’insegna del relax e della tranquillità rispetto alle spiagge affollate di agosto. Molti lo vedono come il mese della ripresa, quasi iniziasse un anno nuovo, che poi in effetti è anche vero, per i più si ritorna al lavoro o a scuola.
Settembre è anche il mese in cui ad un certo punto si iniziano a vedere i colori d’autunno e sentire i suoi profumi, il mese delle prime vendemmie dei funghi e delle prime piogge.

Un mese di transizione dove ancora si ha la testa un po’ in vacanza e voglia di mettere in atto mille progetti per un nuovo anno e si è un po’ restii ad abbandonarsi all’abbassarsi delle temperature e l’accorciarsi delle giornate.

Cosa può esserci di meglio che un dolce per aiutarci a salutare l’estate in modo gentile de dirle arrivederci al prossimo anno?

Buon inizio a tutti!

A presto!

INGREDIENTI:

Percocche caramellate
60gr di burro,
60gr di zucchero di canna,
1/2 cucchiaino di cannella,
2 cucchiai di rhum,
4 percocche grandi,

Base
280gr di farina 0,
1/2 bustina di lievito per dolci,
150gr di burro a temperatura ambiente,
100gr di zucchero di canna,
2 uova grandi,
2 cucchiaini di aroma alla vaniglia,
sale qb
cannella qb

Panna montata per l’accompagnamento

Posizionare una tortiera dal diametro di circa 22 cm (io ne ho usata una in alluminio, in alternativa si può usare una tortiera con cerchio apribile antiaderente) sul fornello e scaldare a fuoco basso. aggiunger eil burro a tocchetti e farlo sciogliere, aggiungere lo zucchero e la cannella e mescolare bene fino a quando non inizia a bollire. Aggiungere il rhum e mescolare qualche secondo e spegnere il fuoco. lasciare riposare mentre si preapara la base, a temperatura ambiente.

montare il burro fino a che non sarà bello cremoso con le fruste elettriche (o in planetaria), aggiungere lo zucchero e aumentare gradualmente la velocità, continuando per circa 2/3 minuti. incorporare un uovo per volta e la vaniglia.

abbassare la velocità e aggiungere gli ingredienti secchi, amalgamando bene il tutto.

Affettare a fettine le percocche e posizionarle sul fondo della teglia, sopra il caramello (se si sovrappongono non importa). Versare sulla frutta l’impasto distribuendolo ocn un cucchiaio delicatamente e livellarlo bene.

Cuocere in forno caldo a 180° per circa 30 minti (la parte superiore dovrà essere dorata). 

Sfornare e lasciar intiepidire per 5 minuti, dopodiché passare la lama di un coltello sui bordi della teglia e capovolgerla su una gratella e togliere la teglia.

Servire tiepida accompagnata da panna montata .


KANELBULLAR ( nodi svedesi alla cannella )

Qualche mattina fa mi sono svegliata con una gran voglia di impastare, si lo so la gente normale nei giorni festivi si sveglia con il desiderio di cappuccino e brioche o di fare una corsetta al parco o con la voglia di ritornare a dormire…bè nelle mie giornate festive e  di riposo, io non so come, ma mi sveglio quasi sempre con la voglia di cucinare qualcosa!

Così ho voluto assecondare la mia voglia di impastare e cercando tra la lista delle ricettine che da tempo vorrei provare (e più provo , più si allunga) ho sentito profumo di cannella e di quella cultura nordica che tanto adoro!

Che dire, sono dolci  e sofficissimi questi Kanelbullar, chiamati anche Swedish cinnamon buns. Dei nodi golosi che racchiudono un dolce e sfizioso ripieno di cannella e zucchero.

Questa naturalmente è la versione originale (io adoro la cannella!) ma credo che a breve li riproverò con ripieni diversi, come la marmellata di arance o il cioccolato.

Anzi proprio originale questa versione a pensarci bene non è visto che ho sostituito l’insostituibile cardamomo con lo zenzero, ma vi dirò non ne ho sentito la mancanza…

E se posso darvi un consiglio…quando anche voi assaliti dalla voglia di impastare li cucinerete e li mangerete a merenda o a colazione che sia, scaldatele leggermente….non aggiungo altro…

A presto

INGREDIENTI:
250ml di latte zymil,
1 bustina di lievito di birra  liofilizzato Mastrofornaio,
70gr burro senza lattosio Soresina a temperatura ambiente,
2 cucchiaini di zucchero semolato,
60gr di zucchero di canna,
1 cucchiaino di sale,
2 cucchiaini di zenzero in polvere (o cardamomo),
460gr di farina 0, 
2 uova,
1 cucchiaino di estratto alla vaniglia,
ripieno

110gr di burro senza lattosio,
115gr di zucchero di canna,
20gr di cannella in polvere,
Mettere in una ciotola la farina setacciata e aggiungere con il lievito e lo zucchero semolato. Mischierli bene insieme.
Se ne disponete procedere con la planetaria in alternativa andrà benissimo un frullino elettrico semplice.
Nella ciotola della planetaria mettere il burro a temperatura ambiente e lo zucchero di canna e incominciare ad impastare con il gancio a velocità sostenuta. (con il frullino usare il gancio per impastare).
Aggiungere l’uovo, il latte a filo (temperatura ambiente) e poi il sale, la vaniglia e la spezia scelta cardamomo o zenzero).
Incorporare la farina e continuare ad impastare fino a che non si avrà un bell’impasto incordato e si formerà intorno al gancio una palla liscia.
Lavorare qualche secondo su un piano da lavoro infarinato l’impasto e metterlo in una ciotola infarinata e copritela. Dovrà lievitare in luogo riparato e asciutto per circa 1 ora (dovrà raddoppiare di volume).
Preparare il ripieno:
Lavorare il burro a temperatura ambiente con lo zucchero di canna e la cannella fino ad avere una crema.
Quando l’impasto sarà pronto, stenderlo in un rettangolo ampio e spalmare sulla superficie la crema alla cannella.
Ora procedete a chiudere il rettangolo: dal lato corto prendere entrambi i lembi e piegarli verso il centro del rettangolo. ripetere in modo da chiudere l’impasto prendendo i lembi superiori e portandoli in basso verso quelli inferiori.
Tagliare tante strisce di circa 2.5/3cm di larghezza in verticale.
prendere i “cilindri” e inciderli per la lunghezza senza arrivare fino in fondo. Arrotolare ogni lembo su se stesso delicatamente e “annodarli” tra di loro.
Spennellare la superficie dei Kanelbullar con uovo sbattuto con un pizzico di cannella e cospargere a piacere di zucchero in granella.
Mettere le brioche su una placca coperta di carta forno e cuocere in forno caldo a circa 180° per 12/15 minuti (controllate la doratura e la cottura con uno stuzzicadenti).





HOT MILK SPONGE CAKE CON COULISSE AI FRUTTI ROSSI

Uno dei primi miti che ho imparato nella pasticceria, è quello che mi sento ripetere dalla mamma sin da quando ho iniziato a pasticciare tra i fornelli da piccolina, :” il latte devi farlo raffreddare prima di aggiungerlo o cuocerà gli ovi”. Provate ad immaginare la sua faccia quando mi ha vista aggiungere del latte bollente nella ciotola con l’impasto di uova. 

Questa torta infatti sfata il mito delle uova che cuociono! Ho scoperto la sua esistenza un sera sentendola citare in un film. Non lo stavo nemmeno guardando con attenzione quel film, come al solito ero alle prese con altri pasticci, infatti non ricordo nemmeno il titolo, ma ha catalizzato la mia attenzione quando una delle protagoniste ha nominato la “hot milk sponge cake”. Il mio inglese non è eccezionale, ma quando ho captato latte caldo, il mio interesse si è subito acceso e mi sono incuriosita. “Possibile che si tratti di una torta con il latte caldo? Ma siamo matti?”. Così ho scartabellato un po’ sul web e ho trovato tante ricette e versioni di questa fantastica torta (io mi sono ispirata a questa ricetta della Cigliegina sulla torta).

E’ soffice e leggera, ottima sia che venga gustata da sola, a colazione o merenda, ma accompagnata ad una coulisse di frutta leggermente acidula, non vi dico quanto sia buona! Chissà con una salsa al cioccolato fondente e cannella come potrebbe essere….

E’ anche un’ottima alternativa al pandispagna o alla torta margherita e può tranquillamente essere farcita per diventare una base per torte speciali!

Bando alle dicerie e ai luoghi comuni il latte caldo nei dolci si può mettere! Persino la mamma alla prova assaggio ha dovuto ricredersi!

A presto.

INGREDIENTI:

120gr di latte di soia ALPRO;
60gr di burro senza lattosio (temperatura ambiente);
165gr di farina 0;
1 bustina di lievito per dolci;
100gr di zucchero semolato;
3 uova a temperatura ambiente;
1 cucchiaino di aroma alla vaniglia;
1 pizzico di sale;
coulisse ai frutti rossi

125gr di mirtilli;
125gr di more;
125gr di lamponi;
3/4 cucchiai di zucchero di canna.
Setacciare 2 volte la farina con il lievito.
In una casseruola antiaderente, scaldare il latte con il burro finché questo non si sarà sciolto completamente.
Montare a parte le uova aggiungendo pian piano lo zucchero, la vaniglia e il sale.
Incorprare ora la farina in tre riprese mescolando delicatamente con un mestolo di legno dall’alto al basso;
Scaldare nuovamente il latte e quando arriva ed ebollizione spegnere e versare a filo nel composto di uova amalgamandoli delicatamente.
Ingrassare una teglia rotonda di 20/22cm di diametro (o con burro e farina o con uno spray distaccante).
Cuocere in forno caldo a 160° per circa 30 minuti (naturalmente la cottura dipenderà dal vostro forno).
Sfornare e lasciar raffreddare su una gratella capovolgendo la torta qualche minuto. Poi sfilare la teglia e far raffreddare ancora.
preparare la coulisse:
In un pentolino cuocere i frutti rossi con lo zucchero di canna fino a che non si saranno completamente disfatti. frullarli ocn un frullatore ad immersione e passarli al colino a maglie fitte per eliminare i semini.
Mettere in un pentolino e scaldare qualche altro minuto, se serve regolare a piacere di zucchero.
Buona merenda!



PANDOLCE CON CANNELLA E MELOGRANO…. e buona Befana!

Questa notte arriva la befana, quella simpatica vecchietta che a bordo della sua scopa scalcinata e con le scarpe rotte dispenserà dolcetti o carbone a seconda che si sia fatti i bravi o meno…

E’ lei che si porta via tutte le feste come si suol dire e che farà archiviare l’atmosfera magica del Natale fino al prossimo anno.

Quindi le fatiche a tavola di molti non sono ancora terminate! Ma festeggiare non vuol dire dimenticarsi delle cose genuine,così si può anche non rinunciare al dolce se fatto in modo naturale. E’ questo il messaggio che Bellezza al Naturale vuole lanciare e sono orgogliosa mi abbiano scelta per rappresentare il loro pensiero anche per quest’anno.

E’ un sito dove potrete trovare molti consigli su come prendervi cura del vostro corpo rispettandolo e amandolo, e dove potrete conoscere i segreti del mangiar sano e perchè no, di come disintossicarsi dalle tante abbuffate di questi giorni. Inoltre  potrete godere di sconti privilegiati e partecipare a divertenti contest.

Una buona Befana a tutti voi!

A presto!







INGEDIENTI:

250gr di fecola di patate,
300gr di farina macinata a pietra,
15gr di lievito di birra,
80ml di olio di semi di girasole o mais,
100gr di zucchero di canna grezzo,
40ml di latte di soia ALPRO,
3 tuorli,
1 pizzico di sale,
marmellata al melograno,
un cucchiaino di cannella in polvere,
una manciata di chicchi di melograno.


Setacciare la farina e la fecola e metterne 150gr in una ciotola facendo un buco al centro. Sciogliere in 150ml di acqua tiepida il lievito e metterlo al centro mescolandolo pian piano alla farina.

Coprire e far agire per circa 40 minuti al caldo (avvolgendo la ciotola in una coperta al riparo da correnti d’aria o coprendola con un canovaccio e riponendola su un termosifone acceso).Aggiungere i tuorli uno per volta, l’olio,lo zucchero di canna e il latte intiepidito e da ultimo il sale.

Formare una palla liscia e omogenea (se appiccica un po’ è normale) e farla lievitare come prima per circa 2h.

Stendere il pandolce in un rettangolo e spalmarne la superficie di marmellata al melograno,arrotolarla su se stessa e dividere in due cilindri.Incidere ogni cilindro nel senso della sua lunghezza fino a che non si vedano gli strati sottostanti.

Girare il cilindro come una spirale e metterlo in una teglia da plumcake ognuno.Far lievitare coperto ancora circa 40 minuti.

Cuocere in forno caldo a 180° per circa 45 minuti, coprendo la superficie delle teglie con carta d’alluminio per la prima mezzora in modo che non scurisca troppo.Sfornare e far raffreddare decorandolo con lo zucchero a velo biologico e chicchi di melograno.


FIOR DI MELA ALLE NOCCIOLE

A volte i dolci che cucino rispondono ad un’esplicita richiesta di qualcuno, o a un’esigenza particolare come un compleanno, una festa o una cena tra amici. 

Questa volta invece questa crostata risponde a un’esigenza semplicissima, la mia golosità!

Eh si da qualche parte devo averlo già detto, anzi forse anche più di una volta, che adoro i dolci con le mele, vero? Be da un po’ non ne facevo e mentre stavo decidendo se affidarmi alla classica torta di mele con le mandorle o a una crostata, sfogliando una rivista trovo una crostata un po’ particolare, dove non devi stendere la frolla come di consueto ma devi costruirla come se mettessi insieme la corolla di un fiore.

Sarà che in questi giorni sembra si stia risvegliando la natura e preparandosi per l’arrivo della primavera, sarà che cercavo un’idea nuova da sperimentare… ecco che per merenda dal forno è spuntata questa fior di mela!


E quale miglior occasione per postarvela se non oggi festa della donna? Auguri a tutte ragazze e buona merenda!

A presto.






INGREDIENTI:
480gr di farina di farro,
90gr di farina di nocciole,
250gr di burro sena lattosio Dalla Torre,
125gr di zucchero di canna,
2 uova,
8gr di lievito per dolci,
cannella in polvere,
1 cucchiaino di aroma alla vaniglia,
3 mele golden,
marmellata di albicocche.

Preparare innanzitutto la frolla mettendo in una ciotola capiente la margarina con lo zucchero e lavorandoli con una forchetta finché lo zucchero non si sarà assorbito. Aggiungere un uovo per volta, la cannella, l’aroma alla vaniglia e il lievito. Aggiungere poi la farina di nocciole e da ultimo la farina di farro.
Versare il composto su un piano di lavoro infarinato e lavorare velocemente, con le punte delle dita, fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea. Avvolgere nella pellicola trasparente e far riposare in frigorifero per almeno un’ora.

Stendere la frolla e ricavare tante strisce larghe circa 5 cm. Per la lunghezza delle strisce spennellare un velo di marmellata di albicocche e posizionare le fettine di mela sottili una affianco all’altra. Ripiegare le strisce chiudendole e posizionarle  in una teglia da crostata già imburrata e infarinata, bisognerà seguire il perimetro della teglia. Continuare così facendo fino a riempire la teglia completamente di strisce.
Cospargere di fiocchetti di margarina, zucchero di canna e cannella a piacere. Cuocere in forno caldo a 170° per circa 25 minuti.

A piacere prima di servire potete spolverizzarla con zucchero a velo o lucidarla con gelatina d’albicocche.


PLUMCAKE CUORE BATTICUORE

Eccomi di ritorno! E’ stato un periodo molto intenso in cui ho dovuto abbandonarvi momentaneamente perchè avevo un’impresa da compiere. 
Eh sì, è stato duro e non privo di difficoltà e rinunce ma sono arrivata alla fine del mio percorso di studi e formazione professionale e con l’esame di stato appena sostenuto ho chiuso un capitolo lungo e importante della mia vita aprendone uno dove spero di raccogliere i frutti di tanta fatica! 
Da pochi giorni, infatti sono diventata un consulente del lavoro!
Ma questo non vuol dire che abbandonerò le mie passioni nè tanto meno queste pagine!


Così complice la festa di San Valentino che si avvicina e Bellezza al naturale che mi chiedeva un’idea per una ricettina salutare in tema, mi sono messa all’opera e ho pensato: “cosa c’è di meglio che svegliarti con il tuo lui o la tua lei e fare colazione insieme, il giorno di San Valentino?”. Così è nato questo plumcake soffice e goloso ma al tempo stesso delicato e naturale.


A presto.



INGREDIENTI:


Cuoricini redvelvet
2uova,
150gr di farina di riso,
120gr di burro chiarificato, 
12gr di stevia,
1 vasetto di yogurt greco zero grassi alla vaniglia,
1 cucchiaino di aceto di mele,
2 cucchiai di cacao amaro equosolidale,
1 bustina di lievito per dolci,
1 pizzico di sale,
colorante alimentare rosso,

Plumcacke
180gr di albumi,
200gr di farina di riso,
50gr di amido di mais,
100gr di zucchero semolato fine (zefiro)
100gr di margarina bio,
100ml di latte di soia Alpro,
1 cucchiaino di aroma alla vaniglia naturale,
1 bustina di lievito,
8gr di cremor tartaro,
1 pizzico di sale,

Zucchero impalpabile SukrinMelis per spolverare.



Per i cuoricini: 
Mescolare le polveri con il lievito e il sale in una ciotola.
a parte montare la margarina con lo zucchero e aggiungere lo yogurt e l’aceto di mele. Unire le polveri e da ultimo il colorante rosso.
Versare il composto in uno stampo da plumcake regolare precedentemente ingrassato con la margarina e rivestito di carta forno. Cuocere in forno preriscaldato a 160° per circa 30 minuti.
Far raffreddare e sformare. Tagliare a fettine e ricavare da ognuna dei cuoricini (abbastanza spessi) e mettere da parte.

Per il plumcake:
Setacciare le polveri in una ciotola e tenerla da parte.
Montare la margarina con lo zucchero fino ad avere un composto soffice e cremoso. Aggiungere poco per volta le polveri alternandole con il latte e la vaniglia, mescolando delicatamente.
Montare gli albumi a neve ferma con un pizzico di sale, aggiungerli al composto e mescolare delicatamente dall’alto al basso.

In una forma da plumcake ingrassare con la margarina e rivestire con carta forno, posizionare in verticale i cuoricini rossi e versarvi intorno fino a coprirli l’ impasto del plumcake.
Cuocere in forno caldo a 160° per circa 30 minuti.

Far raffreddare e sformare.

Può essere accompagnato con una gelatina di lamponi freschi o panna vegetale montata.